Tradizioni di Pasqua in Abruzzo

image

Tradizioni di Pasqua in Abruzzo

Alla scoperta degli antichi riti del popolo abruzzese
Direzione di Transito: Direttrice 1

Tour valido per la promozione "Buoni Fedeltà"

Periodo

5 giorni
dal: 18-04-2019 al 22-04-2019
VIAGGIO CONFERMATO

N.B.: Le escursioni extra saranno confermate al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti.
FASCIA A Da Ventimiglia a Imperia Ovest  650,00 €
FASCIA B Da Andora ad Arenzano  635,00 €
FASCIA C Da Genova Ovest a Sarzana  595,00 €
FASCIA D Da Pontremoli a Livorno  595,00 €
FASCIA E Da Ovada a Parma  635,00 €
SUPPLEMENTO SINGOLA  100,00 €
Hotel    
La quota comprende
Viaggio con pullman G.T. * Sistemazione in hotel 4**** in camere doppie con servizi privati * Trattamento come da programma * Bevande incluse * Visita guidata di Ortona, Chieti, Sulmona e L’Aquila * Escursione guidata al Parco della Maiella * Degustazione in cantina * Assicurazione medico - bagaglio * Rappresentante Agenzia.
La quota non comprende
Le escursioni facoltative, gli ingressi (anche quando la visita si svolge da programma all’interno di siti che prevedono ingresso a pagamento), le mance, le tasse di soggiorno, gli extra in genere e tutto quanto non specificato alla voce “La quota comprende".
Tour valido per la promozione "Buono Fedeltà"

1° Giorno: Montesilvano
Ritrovo dei Signori partecipanti nella località prescelta e partenza in pullman G.T. per l’Abruzzo. Pranzo libero lungo il percorso e nel pomeriggio sosta a Loreto, capitale del culto mariano. La cittadina si è sviluppata intorno alla celebre Basilica dove la leggenda vuole che nel 1294 la piccola casa nella quale vissero la Madonna e Gesù in Palestina fosse trasportata dagli Angeli su questo colle verdeggiante di lauri, da cui il nome Laurentum, divenuto poi Loreto. Proseguimento per la costa adriatica, arrivo in hotel, sistemazione e cena. Dopo cena partenza per Lanciano per assistere alla Processione degli Incappucciati, che sulle note del “Miserere” percorre le vie del centro storico al chiarore delle fiaccole. Lanciano, città d’arte tra le più belle della regione, era famosa già dall’età Romana per le sue fiere che richiamavano mercanti da tutto il Mediterraneo. Rientro in hotel e pernottamento.

2° Giorno: Ortona - Chieti
Prima colazione in hotel e mattinata dedicata alla visita guidata alla costa dei trabocchi, antiche palafitte adibite alla pesca che si alternano a rocce e dune: Ortona, paese di antichissime origini, è situata su un promontorio a picco sul mare con le bellissime spiagge del Lido Riccio e Lido dei Saraceni, il Castello Aragonese e il Palazzo Farnese; San Vito Chietino, cittadina posta su un colle da cui gode di un panorama suggestivo; San Giovanni in Venere, una delle più importanti abbazie abruzzesi, sorta sulle fondamenta di un tempio pagano intitolato alla dea dell’amore ed affacciata sul mare in posizione panoramica sull’omonimo golfo. Rientro in hotel per il pranzo e nel pomeriggio partenza per Chieti. L’antica Teate Marrucinorum, posta in posizione panoramica sulla Val Pescara, oggi è una città d’arte che conserva innumerevoli testimonianze storiche: la Cattedrale intitolata a S. Giustino; Corso Marrucino con le chiese barocche di S. Domenico e S. Francesco e il Teatro Marrucino; i resti delle Terme Romane. Possibilità di assistere alla “Processione del Cristo Morto”, una delle più antiche d’Italia, a cura dell’Arciconfraternita del Monte dei Morti. Rientro in hotel, cena (che verrà effettuata per le ore 21.30/22.00) e pernottamento.

3° Giorno: Parco della Majella
Prima colazione in hotel e partenza per il Parco Nazionale della Majella, dal nome del monte a forma di una grande cupola ellittica che si erge tra il mare e la catena appenninica. Qui fenomeni carsici hanno dato origine a grotte che diedero rifugio a pastori e briganti e trovano dimora molti animali, tra cui l’orso, il camoscio e l’aquila reale. Tra i borghi spicca Fara San Martino, di origini longobarde, oggi noto per essere una delle capitali mondiali della pasta, nonché per la sua Riserva Naturale, compresa all’interno del Parco Nazionale. Nei pressi di Fara si conservano i resti dell’Eremo di Santo Spirito. Pranzo in ristorante. Nel pomeriggio visita di Guardiagrele, cittadina posta alle pendici della Majella, un piccolo gioiello che tramanda nel tempo la raffinata arte dell’oreficeria e della lavorazione del ferro battuto. Il più importante monumento è la Chiesa di S. Maria Maggiore, inserita dall’UNESCO tra i monumenti che sono Patrimonio dell’Umanità. Rientro in hotel con sosta presso un’azienda agricola dove si potranno assaggiare i famosi vini d’Abruzzo: Montepulciano, Cerasuolo e Trebbiano. Cena e pernottamento.

4° Giorno: Sulmona
Prima colazione in hotel e partenza per Sulmona. Visita di questa città di origini antichissime, ricca di testimonianze artistiche, che diede i natali al poeta Ovidio e fu il luogo dove vennero creati i confetti, in età preromana. Qui nella suggestiva Piazza Garibaldi si potrà assistere alla processione della “Madonna che scappa in piazza”: la statua del Cristo risorto aspetta l’arrivo della Madre; quando la Vergine vede il Figlio, inizia l’emozionante corsa, cade il velo ed un volo di colombe si libera nel cielo dando il via alla processione che attraversa Sulmona. Pranzo in ristorante e nel pomeriggio visita delle abbazie di San Clemente a Casauria e di S. Maria d’Arabona. Rientro in hotel, cena e pernottamento.

5° Giorno: Rientro
Prima colazione in hotel e partenza per il viaggio di rientro. Sosta a L’Aquila, incontro con la guida e inizio della visita: l'antica Fontana delle 100 Cannelle, con i 99 mascheroni tutti diversi dai quali zampilla l'acqua, il centro storico con le sue vie irregolari dominato dalla Fortezza Spagnola e arricchito da chiese e palazzi che ancora oggi conferiscono alla città un aspetto nobile, testimonianze della sua antica storia. Al termine, proseguimento del viaggio, pranzo libero lungo il percorso e arrivo in serata nelle rispettive località.