Giordania Classica

image

Giordania Classica

Storia e cultura in Medioriente

Periodo

8 giorni
dal: 17-10-2020 al 24-10-2020

N.B.: Le escursioni extra saranno confermate al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti.
FASCIA A Da Ventimiglia a Imperia Ovest  0,00 €
FASCIA B Da Andora ad Arenzano  0,00 €
FASCIA C Da Genova Ovest a Sarzana  1.660,00 €
FASCIA D Da Pontremoli a Livorno  0,00 €
FASCIA E Da Ovada a Parma  0,00 €
SUPPLEMENTO SINGOLA  300,00 €
Hotel    
La quota comprende
Trasferimenti per l’aeroporto A/R di partenza * Volo dall’aeroporto prescelto per Amman A/R in classe economica e franchigia bagaglio 15/20 kg * Sistemazione in hotel 4**** in camere doppie con servizi privati * Trasferimenti come da programma * Pernottamento in campo tendato * Trattamento come da programma *Visite e ingressi come da programma con guida locale * Visto d’ingresso * Escursione in jeep nel Wadi Rum * Assicurazione medico - bagaglio * Rappresentante Agenzia.
La quota non comprende
Le tasse aeroportuali, i pasti liberi sui voli, le escursioni facoltative, le mance, gli extra in genere e tutto quanto non specificato alla voce “La quota comprende".
Tour NON valido per la promozione "Buono Fedeltà"

1° Giorno: Italia - Amman
Ritrovo dei Signori partecipanti nella località prescelta, trasferimento in pullman G.T. all’aeroporto di partenza, disbrigo delle operazioni aeroportuali e imbarco sul volo per la Giordania. Arrivo, trasferimento in hotel, sistemazione, cena e pernottamento.

2°giorno: Amman - Jerash - Ajloun - Amman
Prima colazione in hotel e partenza per la visita dell’antica città di Jerash, Gerasa nella versione italiana, città per secoli coperta dalle sabbie giordane e tornata alla superficie a partire dal 1925, grazie a una squadra di archeologi inglesi. Si tratta di una delle antiche città romane meglio conservate al mondo, tanto che viene soprannominata “a Pompei d’Oriente”, e tra i siti in assoluto da non perdere ci sono l’Arco di Adriano, che avrebbe dovuto costituire l’ingresso meridionale, l’Ippodromo, capace di ospitare fino a 15.000 spettatori, le colonne Corinzie del Tempio di Diana, che si sviluppa su 3 livelli, e il famoso colonnato del Forum. Pranzo in corso di visite. Nel pomeriggio, proseguimento per Ajloun e visita del suo castello, risalente al XII sec. Il castello di Ajloun era una fortezza utilizzata come appostamento militare per proteggere le rotte del commercio. Dalla cima del Castello si godrà di un panorama mozzafiato sulla vale de Giordano e su tutto il nord del Paese. In serata rientro in hotel, cena e pernottamento.

3°giorno: Amman - Castelli del Deserto - Amman
Prima colazione in hotel e mattinata dedicata alla visita della parte antica della città. Visita della Cittadella romana, che sorge su una delle più alte colline di Amman e custodisce spettacolari rovine, un museo di livello internazionale e il vivace fermento delle moschee e dei suq, cuore della vita quotidiana dei giordani. A seguire passeggiata nella parte della città chiamata “West Al Balad”, caratterizzata da centinaia di negozi tipici, bar e ristoranti locali. Pranzo in corso d’escursione. Nel pomeriggio partenza per la visita dei Castelli del Deserto, situati nel Deserto Orientale della Giordania, residenza di Lawrence d’Arabia dove l’ufficiale scrisse parte del suo famoso libro “I sette pilastri della saggezza”. In serata rientro in hotel, cena e pernottamento.

4°giorno: Monte Nebo - Chiesa di San Giorgio - Castello di Shobak - Petra
Prima colazione in hotel e partenza alla volta del Monte Nebo, il luogo da cui, secondo la tradizione, Mosè contemplò per la prima volta la Terra Promessa, che non riuscì mai a giungere. Il patriarca morì all'età di 120 anni e fu sepolto nei pressi del monte, ma gli studiosi non concordano su dove si trovi esattamente la sua tomba. A prescindere dal valore religioso, il Monte Nebo è una meta interessante soprattutto dal punto di vista paesaggistico, poichè offre splendide vedute sulle antiche terre di Gilead, Giudea, Gerico e del Negev: la Terra Promessa e nelle giornate particolarmente limpide, su Gerusalemme. Proseguimento per Madaba, dove nel 1884 i costruttori di una modesta chiesa-greco ortodossa si imbatterono nei resti di una chiesa bizantina che custodisce un mosaico di straordinaria importanza che rappresenta la più antica cartina della Palestina ancora esistente e fornisce numerose informazioni storiche sulla regione. Le località inserite, prime fra tutte Gerusalemme, rispettano un ordine di tipo religioso e non geografico. I particolari che offre vanno oltre la semplice dislocazione delle località, ma dà informazioni preziose a proposito dell’evoluzione del territorio, come per esempio che il Mar Morto era navigabile ed alimentato dal fiume Giordano. Proseguendo verso Petra ultima sosta al Castello di Shobak, fortezza risalente al XII secolo, costruito sulla cima di un’imponente roccia a 1.300 metri sul livello del mare e circondato da un paesaggio remoto e selvaggio. Pranzo in corso di visite. In serata arrivo a Petra, sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

5°giorno: Petra
Prima colazione in hotel e intera giornata dedicata alla visita di Petra, la magnifica Città Antica seminascosta nel paesaggio spazzato dal vento della Giordania meridionale, uno dei più celebri siti dichiarati dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità. Considerata una delle “Otto Meraviglie del Mondo Antico” e proclamata una delle “Sette Nuove Meraviglie del Mondo” nel 2007, ha conservato intatto il suo fascino nonostante i momenti difficili di cui la regione circostante è stata teatro. Conosciuta come la “città rosa” e interamente scavata nella roccia, è un esempio dell’incredibile capacità architettonica del popolo Nabateo. A vederla oggi, inserita in un paesaggio così arido e desertico, sembra impossibile che qui ci fosse una della città più dinamiche ed attive de Medioriente, ma certo la spettacolarità dei suoi palazzi, tra gole e pareti di roccia strapiombo la rende una meta dal fascino incredibile. Alla città si accede attraverso il Siq, una stretta gola, lunga più di 1 km, fiancheggiata da ripide pareti rocciose alte 80 metri. Attraversare il Siq è un'esperienza unica: i colori e le formazioni rocciose lasciano il visitatore a bocca aperta. Una volta raggiunta la fine del Siq, si potrà scorgere finalmente il Khazneh (il Tesoro). Pranzo in corso di visite. Al termine, rientro in hotel, cena e pernottamento.

6°giorno: Petra - Beida - Wadi Rum
Prima colazione in hotel e partenza alla volta di Beida, denominata “Piccola Petra”, nota anche come Siq-al-Barid. Si tratta del secondo sito archeologico per importanza del wadi Musa, con edifici scolpiti nelle pareti dei canyon di arenaria, situato a nord di Petra. Di origine Nabatea, la Piccola Petra era una antica stazione commerciale e di rifornimento di carovanieri dove si possono osservare numerosi edifici scavati nella roccia, incluse le cucine ed il locale mensa. L'altare sacrificale è un’importante struttura religiosa costruita in cima ad un monte e raggiungibile a piedi attraverso un tortuoso sentiero che parte dal centro di Petra. Pranzo in corso d’escursione. Al termine della visita, trasferimento nel “deserto rosso” del Wadi Rum, luogo che definire fantastico è troppo riduttivo, cornice di eventi memorabili, come quello legato a Lawrence d'Arabia, ma dove è soprattutto il passato remoto a parlare. Quando la Natura ha creato meraviglie e l’uomo nel corso dei secoli è riuscito a lasciare dietro di sé testimonianze irripetibili. Spianate, gole strette, canyon profondi, archi naturali, alte scogliere, caverne, rampe e frane enormi causate da agenti atmosferici e fenomeni geologici che si sono succeduti nel corso di milioni di anni si abbinano ad incisioni rupestri, iscrizioni e resti archeologici che documentano in questo immenso sito ben 12.000 anni di occupazione umana e l'interazione con l’ambiente naturale. Partenza per il tour in 4x4 di circa due ore durante il quale si scopriranno moltissimi segreti nascosti di millenni di storia. Sistemazione in campo tendato in tende riservate. Cena tradizionale e pernottamento.

7°giorno: Wadi Rum - Mar Morto - Amman
Prima colazione nel campo tendato e partenza per il Mar Morto. Situato 400 m sotto il livello del mare, questo straordinario specchio di acqua blu, liscio come marmo nei giorni d'inverno senza vento o increspato di onde salate e spumeggianti dai venti estivi, rappresenta il punto più basso della terra. L'estrema salinità dell'acqua non dipende dal fatto che il Mar Morto si trovi sotto il livello del mare, ma piuttosto dall'intensa evaporazione. L'elevata concentrazione salina crea un ambiente inospitale per quasi tutte le forme di vita, ad eccezione di quelle microscopiche. Da sempre i sali e i minerali del Mar Morto vengono sfruttati per le loro proprietà terapeutiche, particolarmente benefiche per la pelle, sebbene la sensazione non sia poi sempre così piacevole: immergendosi, si scoprirà infatti di avere tagli e graffi di cui non si sospettava nemmeno l'esistenza (si consiglia di non radersi prima di entrare in acqua e di prestare attenzione all’acqua negli occhi), perché in realtà, quello che si fa nel Mar Morto non è esattamente "nuotare", quanto piuttosto "galleggiare", dato che l'elevata densità rende difficoltosi i movimenti in acqua, ma allo stesso tempo rende l‘esperienza davvero unica. Tempo libero a disposizione per godere delle attività balneari. Pranzo in corso di escursione. Nel pomeriggio, trasferimento ad Amman, sistemazione in hotel, cena e pernottamento.

8°giorno: Amman - Italia

Prima colazione in hotel. Trasferimento in aeroporto in tempo utile per il volo di rientro e partenza con volo di linea. All’arrivo, rientro in pullman nelle rispettive località.